Corporate Social Responsibility - Corporate communicator - Green & Noprofit Project Manager - Intercultural trainer - Conflicts moderator - Webdesign - Videomaker
Andrea Zanzini homepage


Date:27 September, 2000

Tecnico di Gestione delle Organizzazioni No Profit

Logo Ecipar Rimini - Formazione Andrea ZanziniEnte di Formazione ECIPAR Rimini (settembre 2000 – settembre 2000)
Descrizione
  • Corso “Fortis” realizzato da: Ente di Formazione ECIPAR Rimini – Regione Emilia Romagna e dal Ministero della Pubblica Istruzione

La qualifica di “Tecnico di Gestione delle Organizzazioni No Profit” non è stata conseguita per mancato raggiungimento del monte ore minimo ma sono state riconosciute le seguenti Unità Formative Capitalizzabili:

  • FC 1 Economia politica ed economia del terzo settore

    • (conoscere ed applicare i riferimenti e le norme sugli aspetti dell’economia industriale, economia marginale, economia dell’informazione che riguardano le aziende non profit – conoscere i mercati di riferimento del lavoro del terzo settore)

UFC 6 Inglese

  • (concetti fondamentali grammaticali – sostenere una conversazione – leggere e scrivere – vocabolario linguistico sufficiente ad implementare obiettivi – possedere abilità produttive legate al lavoro in ufficio, alla casa, al cibo, agli sport, alla famiglia, alle poste ecc… – essere in grado di fornire informazioni, effettuare prenotazioni, fare acquisti)

UFC 7 Informatica office

  • (comprendere il concetto di documento elettronico e delle operazioni che i sistemi di videoscrittura permettono di svolgere su di esso – conoscere le principali caratteristiche tipografiche e di formattazione – creare, modificare, memorizzare, duplicare documenti su archivio elettronico – sfruttare le principali risorse disponibili dal programma applicativo Word per Windows – comprendere l’estrazione di foglio elettronico e delle operazioni ad esso riconducibili – impostare un foglio base, prevedendo operazioni cumulative su righe e colonne – utilizzare le principali funzioni rese disponibili da un foglio elettronico – comprendere il concetto di archivio come collezione di dati omogenei sui quali effettuare operazioni di selezione condizionata – conoscere il concetto di dato e di informazione – impostare e creare archivi – utilizzare le funzionalità rese disponibili da un sistema di gestione di data base – impostare operazioni di ricerca ed estrazione semplice da archivi elettronici – conoscere la terminologia dei dispositivi e delle tecniche più frequentemente adottate per collegare calcolatori – conoscere ed utilizzare le caratteristiche dei programmi di comunicazione e delle modalità di configurazione – sapere impostare i parametri principali di un modulo di comunicazione – saper controllare l’evoluzione di un processo di comunicazione per gestire eventuali stati di indeterminatezza.)

UFC 9 Competenze trasversali per il fund raising

  • (relazionarsi:comunicare con altri nel contesto di lavoro e in situazioni di interazione diretta – lavorare in gruppo per affrontare problemi, progettare soluzioni, produrre risultati collettivi – negoziare e concertare con altri soluzioni e risorse, in situazioni interpersonali di gruppo, applicare le tematiche del “buon” relazionarsi – affrontare: migliorare le proprie strategie di apprendimento e di azione e le proprie prestazioni lavorative – affrontare e risolvere problemi e dunque pianificare strategie di azione per fronteggiare situazioni e risolvere problemi di diversa natura (tecnico operativa, relazionali, organizzativi) – sviluppare soluzioni creative e strategie innovative per affrontare problemi noti o inusuali e per fronteggiare mutamenti nelle condizioni di lavoro.)

UFC 10 Gestione Risorse Umane

  • (reperire il personale volontario e non – individuare i principali fabbisogni organizzativi e gestionali in termini di risorse umane – impostare una campagna pubblicitaria per raccogliere volontari – applicare le tecniche di selezione del personale – impostare i profili di riferimento e sulla base di questi scegliere le risorse più idonee – dirigere e controllare il personale volontario e non – gestire una accoglienza, un inserimento e la socializzazione del personale volontario – conoscere ed analizzare i climi interni di soddisfazione – realizzare i processi di visioning e mission – creare team di lavoro misti – lavorare efficacemente in gruppo creando climi favorevoli alla cooperazione – gestire il ruolo di leader – gestire efficacemente le modalità di allontanamento dei volontari.)